Skip to main content

La carovana dei pacifici: percorsi di riflessione giocosi

Un percorso di riflessione e manualità per pensare e giocare la Pace

LA CAROVANA DEI PACIFICI

Un luogo chiamato “pace” dev’essere come un miraggio nel deserto, che appare per invitarci a raggiungerlo e scompare quando ci sembra di essere arrivati. Ma, come sempre, ci interessa più il cammino che la meta.
E’ per questo che abbiamo raccolto la bellissima idea lanciata da Roberto Papetti il 1 marzo 2015 alla Casa delle Arti e del Gioco di Drizzona, a poca distanza si trovano città d’arte come Cremona, Mantova, Parma, nella quale si ricordava Mario Lodi ad un anno dalla scomparsa.

Facciamo partire da scuole di ogni dove la Carovana dei Pacifici, che giungerà in una sua nuova tappa a Bastia Umbra, il 24 e 25 ottobre, nel corso del V incontro nazionale della Rete di Cooperazione Educativa per poi riprendere il suo percorso verso altre tappe da definirsi lungo il viaggio.

Siamo in cammino, se vuoi unirti alla carovana sin d’ora o da settembre, all’inizio del nuovo anno scolastico, qui trovi  la Scheda di adesione e nell’articolo tutti i materiali e le indicazioni utili per partecipare al progetto

Come partecipare

  • Compilate la scheda di adesione
  • Seguite il percorso come nell’esperienza pilota o in altri modi che ritenete opportuni per la vostra classe
  • Trascrivete i pensieri dei bambini riprendendo il suggerimento della poesia di J.L. Borges
  • Realizzate i Pacifici con i bambini (scarica sagoma dei bambini pacifici da scaricare e stampare su cartoncino, fotocopiate su cartoncino)
  • Trovate un luogo dove metterli in cammino e fotografateli . Inviate le foto e i pensieri alla mail: sequestoaccade@gmail.com

Le sagome dei Pacifici che comporranno la Carovana possono:

A) essere inviate fino al 10 ottobre 2015, con la scheda di adesione compilata, a: Rete di Cooperazione Educativa – C’è speranza se accade @ via don Lorenzo Milani, 13    35010 VIGODARZERE (PD)

B) essere accompagnate di persona al V incontro nazionale.

Le sagome saranno esposte con l’indicazione della provenienza  nel V incontro nazionale della Rete di Cooperazione Educativa, che si svolgerà sabato 24 e domenica 25 ottobre a Bastia Umbra (PG). Successivamente i Pacifici saranno rimessi in cammino, con quelli che arriveranno, in altre occasioni. Desideriamo trasmettere un segno sempre più vivo del lavoro che si fa nelle scuole sul tema della Pace.

Il percorso metodologico

Iniziamo  con la lettura della poesia “I giusti” di J. L. Borges,  per concludere il percorso attraverso la realizzazione di un gruppo di figure che daranno forma a una carovana di Pacifici,  personaggi portatori  del valore della pace.

Ecco i passi dell’esperienza pilota vissuta dalla classe 3^-Le Coccinelle della scuola Primaria “I. Nievo” di Soave (Verona).

1  Dialogo su litigi e rapporti sereni, parole pesanti e leggere, diritti e doveri. A partire dalla vita quotidiana di ciascun  bambino.

2  Ricerca di soluzioni positive ai conflitti per accettare le diversità e stare bene con se stessi e gli altri.

3  Lettura della poesia “I giusti”, stimolo a scrivere un pensiero, un desiderio, un’emozione.

4  Creazione del proprio personaggio pacifico a partire da una sagoma di cartoncino. Caratterizzazione con colori e segni, disposizione in gruppo con le sagome degli altri bambini, riflettendo sulle relazioni che nascono a seconda delle posizioni scelte (classe, gruppo, compagnia, insieme, coro, orchestra, cerchio, combriccola, squadra, assemblea, comunità…).

5  Scrittura di una breve frase poetica individuale, che entri in una struttura compositiva collettiva, seguendo l’esempio della poesia “I giusti”.

6  Documentazione fotografica del gruppo dei pacifici ambientati a scuola e in diversi luoghi della città frequentati dai bambini o teatro di conflitti nel passato (strade, piazze, parco, fiume, porte, mura, castello…).

7 Trasmissione e condivisione nella Rete, per fare sì che il lavoro di riflessione sulla Pace cresca e si diffonda, con semplicità e mitezza, sapendo di un cammino comune.