Skip to main content

Una scuola speciale per tutte/i

E se per settembre venisse effettuata una manutenzione straordinaria dei giardini e cortili scolastici? E se l’educazione all’aperto e l’educazione diffusa nel territorio diventassero due volani per ripensare l’apprendimento? Intorno a questi temi è nato un appello che sta raccogliendo migliaia di adesioni, anche grazie alla Rete di cooperazione educativa

**********

La Scuola deve aprire e diventare Speciale!

Nell’Ottocento esistevano le “scuole all’aperto” per bambini malati, gracili e predisposti alla tubercolosi. Avevano grandi spazi naturali e lo scopo di dare cure mediche, istruzione ed educazione.

Si lottava contro la tubercolosi, che colpiva la popolazione mondiale e colpiva bambini e giovani. Erano chiamate “scuole speciali”, e in queste scuole si cercavano soluzioni didattiche nuove, che potessero motivare anche gli alunni in condizione di salute precaria.

Uno spazio educativo diverso dal solito e il giardino non potevano certo mancare, un ambiente naturale, a contatto diretto con la terra, il sole e l’aria. La natura diventava il luogo della vita scolastica e un vero strumento educativo e didattico.

La storia è ora attualità e nella storia possiamo trovare risposte attuali. 

Chiediamo alle nostre e nostri governanti di aprire a settembre le scuole di ogni ordine e grado.

Chiediamo che venga effettuata manutenzione straordinaria e urgente dei giardini e cortili scolastici con messa in sicurezza.

Chiediamo che venga permesso agli studenti e agli insegnanti di utilizzare i giardini come aule didattiche a tutti gli effetti.

Chiediamo che venga inserita e applicata una didattica outdoor.

Chiediamo che venga strutturata un’organizzazione scolastica che permetta di passare alcune ore all’aria aperta ogni giorno e di fare dell’educazione diffusa nel territorio e dell’educazione all’aperto due volani per ripensare l’apprendimento al di fuori di ogni logica di mercato.

Chiediamo Scuole Speciali e Aperte ai nuovi cambiamenti.

FIRMA L’APPELLO QUI


Francesca Lepori pedagogista fondatrice di Bosco Caffarella, vicepresidente di C’è speranza se accade @ Rete di Cooperazione Educativa