Carovana dei Pacifici per fare pace con la terra

IMG_0384

Carovana dei Pacifici per fare pace con la terra

IMG_0384Carissimi amici della Rete,
sono Federica Di Luca di San Ginesio (MC) educatrice dell'Agrinido della Natura, Agri-Infanzia (https://www.facebook.com/agrinidodellanatura/), titolare della biofattoria didattica e sociale "La Quercia della Memoria" e del Centro di Educazione Ambientale CREDIA WWF. Vi seguo da sempre ed ho partecipato a vari incontri della Rete.

Purtroppo con il terremoto del 2016 il nostro borgo è stato gravemente colpito ed anche la nostra struttura è inagibile quasi completamente. Siamo riusciti a tenere con le unghie e con i denti 3 stanze al piano terre aperte e con l'allestimento di una tenda yurta nello spazio esterno dell'orto-giardino abbiamo riaperto l'agrinido e l'agri-infanzia, esperienza educativa autorizzata e accreditata per bambini 1-6 anni.

Purtroppo, tutto il resto dell'azienda è fermo e la ricostruzione è lunga, figuriamoci il ritorno ad una normalità. Io sono ancora accampata in una stanza e dal giorno del terremoto sto lottando per mantenere l'esperienza educativa aperta e per la costruzione di una nuova struttura. Abbiamo raccolto fondi per l'acquisto di un nuovo terreno (con la nascita dell'Associazione di educatori e genitori "Nella terra dei bambini"), lo abbiamo donato al nostro Comune con il vincolo di destinazione d'uso, è stato realizzato un progetto partecipato di ricostruzione, pronto per essere realizzato, il terreno è pronto urbanisticamente.....c'è una comunità allargata di partner e di cittadini che ha sostenuto e sta sostenendo il percorso di rinascita di questa realtà che ha dimostrato di essere un luogo di cultura educativa innovativa, di apertura al territorio, di partecipazione e di riconoscimento di una comunità ampia di soggetti. 

unnamed2Fin dall'inizio ci siamo immaginati un processo e un esito che hanno alcune parole chiave: comunità, educazione, pace, diritti, natura, cittadinanza, cooperazione, giustizia ..... Ci siamo sempre detti che l'educazione è pace, l'educazione di qualità costruisce i fondamenti di un'umanità presente e futura. Quella che stiamo combattendo pacificamente è una lotta per i diritti delle infanzie, è una speranza per le infanzia: per l'infanzia colpita dal terremoto che ha perso luoghi, riferimenti, comunità, persone......ma per l'infanzia tutta, di tutti i luoghi e di tutti i tempi, perché attorno all'infanzia e per l'infanzia c'è una comunità che nasce, cresce ed evolve....oppure c'è una popolazione che involve, disumanizza, perisce. Noi stiamo lottando con speranza per la rinascita dignitosa di una piccola realtà che ha dato tanto e sta lanciando ogni giorni messaggi e pratiche importanti, potenti. In questo progetto, come in tanti altri buoni contesti di scuola e non solo, c'è la vita e la speranza di una comunità del presente e del futuro, di vera pace. 

 Per questo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Riconoscendoci nel processo e nelle finalità della "carovana dei pacifici" abbiamo pensato di avviare un primo percorso da qui fino a Giugno di lavoro educativo con un primo evento (proprio a Giugno) FLASH MOB dal titolo "CAROVANA DEI PACIFICI PER FARE PACE CON LA TERRA" . Una comunità in marcia per la ricostruzione post-terremoto.      

Questo ci aiuterebbe tantissimo a tenere alta l'attenzione sui temi dell'educazione, della pace, dei diritti dei bambini e delle bambini (fra questi metterei anche il diritto alla ricostruzione dei luoghi dell'infanzia 0-6 nelle aree del terremoto 2016-2017) e forse una mobilitazione in tal senso peserà di più che tante altre azioni fino ad ora intraprese. Non è infatti accettabile che dopo due anni dal terremoto una comunità di bambini e di famiglie, che ha donato all'istituzione un terreno acquistato con raccolte fondi e mobilitazioni sociali, sia ancora oggi in una tenda senza la certezza di una ricostruzione di qualità. Che significato hanno le parole cittadinanza e istituzione, se non si riesce a trovare una soluzione ad un caso come questo?

 Abbiamo la gioia del quotidiano e continuiamo a pensare che l'educazione è potente, capace di muovere molto; continuiamo a portare avanti il nostro servizio educativo con grande fatica ma con costanza e qualità e non ci vogliamo arrendere di certo. 

Mi piacerebbe, quindi, pensare ad un percorso che possa lanciare questa mobilitazione di realizzazione di pacifici o di invio di carovane già migranti in altri luoghi in occasione dell'evento di Giugno. Che ne dite? Pensate sia possibile un aiuto, un supporto ed il lancio di un aiuto dalla Rete e nella Rete?

Attendo con gioia e fiducia un vostro riscontro.

Tantissimi saluti, Federica Di Luca

No Comments

Comments are closed.

Vai alla barra degli strumenti